FATHERSNAKE ON THE ROAD

Blog di corsa, ma non solo, di un runner per metà rocker e per metà podista.

martedì 14 dicembre 2010

Fathersnake nel monte delle lepri (5° TROFEO PODISTICO MARIA SS IMMACOLATA, Montelepre)


Che strana sensazione essere qui, oggi, 8 dicembre, tra le strette vie di questo paese il cui passato è indissolubilmente ed inevitabilmente  legato alle vicende del bandito Salvatore Giuliano, capo di un gruppo di separatisti, di cui si è parlato in questi giorni per le riesumazione del cadavere, atta ad accertarne l’identità mediante test del DNA.  E’ una bella giornata di sole con venticinque gradi di temperatura. Ho rispolverato con molto piacere una maglietta smanicata e pantaloncini al ginocchio. La gara cui parteciperò è la prova finale di un circuito podistico denominato BioRace-Game Grand Prix Fidal UISP.
Trovato parcheggio per intercessione della Madonna, visto l’assedio di auto per le ripide e anguste vie cittadine, mi presento al tavolo delle iscrizioni: 5 euro per un pacco gara comprendente una bottiglietta di acqua, una t-shirt a colori (non sarà tecnica ma mi piace) con la riproduzione della locandina della manifestazione, un flaconcino di eau de toilette ed una automobilina in materiale plastico (simil gomma). Allungo la mano con venti euro e mi allungano una scatola di latta piena quasi all’orlo di banconote:
 -Mettili qui e prenditi il resto-
E’ una dimostrazione di fiducia che mi colpisce favorevolmente.
Montelepre celebra  l’Immacolata e festa e gara si compenetrano:  la gara diventa anch’essa festa. Per i viicoli e le strade con pendenze da villaggio montano, non certo lindi ed ordinati,  si respira un aria di antica, dignitosa decadenza, di ordinato e consapevole caos. Da uno d’ essi un forte ed acre odore di macerazione colpisce forte le narici e mi chiedo come ci si possa convivere.
Anziani con l’abito bello passeggiano a coppie, sostano in capannelli, si affacciano dai balconi.
Sette giri da 1 chilometro. Nel timore isterico che si ripresenti il dolore al fianco destro dell’allenamento di alcuni giorni fa  assumo una pastiglia di buscopan; non sono venuto fin qui per rischiare di fermarmi  prima del tempo, tuttavia conscio che alimentare le paure non sia il modo migliore per sconfiggerle.
Non c’è respiro in questo corto circuito fatto di salite ripide e discese, a mo di montagne russe e quasi inesistente pianura. C’è una corta discesa dopo la partenza  ed ecco un tratto sterrato, che porta a percorrere verso l’alto un sentiero di terra rossa lungo un curato boschetto  d’alberi di basso fusto. Poi si scende, neanche 100 metri di pianura e si risale verso piazza Ventimiglia, dominata dalla torre omonima, sede di partenza e arrivo. Al primo passaggio lo speaker Mimmo Piombo, Presidente Regionale della Lega Atletica UISP Sicilia mi presenta al pubblico assiepato alle transenne  come fossi un atleta di spicco venuto apposta per vincere. Quando senti il tuo nome rimbombare dalle casse di altoparlanti la cosa non può che farti piacere. Aumento in modo baldanzoso ma  imprudente  la velocità. Terminato il primo giro, e qualche metro,  ecco che i primi mi doppiano. In confronto alla loro andatura, il mio sembra il corricchiare discreto di un orsetto che odia le salite. Mi sento pesante. Provo  fatica e caldo. Sapevo che non sarebbe stata una passeggiata, ma speravo in un po’ più di pianura per rifiatare. Nel secondo giro si insinua nella mia mente il dubbio di riuscire a sopravvivere per i restanti  cinque. Patisco, ma raccolgo comunque le residue forze per transitare ogni volta in modo composto e dignitoso nel punto in cui maggiore si raccoglie la folla. Una folla che incita e sostiene, che partecipa ed infonde entusiasmo.
Come in tutte le gare in salita di quest’anno, mi piazzo dopo la metà classifica:  44esimo su 70.
Ed ora al ristoro. Con mio grande stupore porgo il bicchiere per un po’ di the e me lo riempiono di vino. Solo vino rosso in un capiente contenitore. Mi ristorerò altre 4 volte.  E poi, dall’ingresso dell’African bar, davanti al quale c’è ressa, escono vassoi su vassoi di vastedde cunzate: grossi panini di rimacina caldi al sesamo conditi con olio nuovo locale. Gratis per tutti. I vassoi non fanno in tempo ad uscire che una selva di mani li svuota anzitempo. Dopo un’attesa vana sulla soglia entro direttamente nel bar e me ne impadronisco. Uno per me ed uno per la mia morosa camerawoman.
Si fanno strada tra la folla due uomini,  camminando a braccetto. Uno di essi regge avanti a sé un piatto pieno di monete e banconote. Offerte per la Madonna. Deposito cinque euro e ne ho, in ritorno, un'immaginetta e, spero, un aiuto futuro per battere i 4.
Saluti a tutti!

P.s.
Guardatevi il filmato del post precedente al minuto 3.42; quel podista con il numero 431 ha settantotto anni. Confrontate la sua velocità con la mia…
E non aggiungo altro



10 commenti:

Luca "Ginko" ha detto...

Ciao grande!
Ma non sei andato a Montecarlo? il 9 dicembre ero li con la famiglia e c'erano diversi podisti che provavano il circuito. ti ho pensato e mi sono detto che da li a poco avresti solcato quel tragitto!
Bella la gara che hai fatto!

fathersnake ha detto...

@Luca
Ciao! Ma no, a malincuore ho dovuto rinunciarvi, perchè il sabato sera prima avevo un concerto. L'ho sostituito con la gara in Sicilia. Se non altro ho corso al caldo..

Oliver ha detto...

marò... vastedde cunzate... Father, dovevi per forza correre per mangiarle?

fathersnake ha detto...

@Oliver
A pensarci bene no. L'unico sforzo richiesto era stare davanti al bar ed allungare la mano..

stoppre ha detto...

ECCO, ORA MI è VENUTA VOGLIA DI VASTEDDE CUNZATE,DOVE I VAIU PIGLIU MO ??

PS. comunque il buscopan da forte sonnolenza....

fathersnake ha detto...

@Stoppre
Nel più vicino negozio di alimentari siculi! Anche se mangiate qui non avrebbero lo stesso sapore.
Dovevi scrivere "il buscopan toglie forza alle gambe", così giustificavo il piazzamento.

Tosto ha detto...

caspita ristori a vin rosso spettacolo!!!
qui da noi si ristora col brulè :)
ma le temperature son un po' diverse

PS. ora mi documento sulle "VASTEDDE CUNZATE"

fathersnake ha detto...

@Tosto
Putroppo è stata una vacanza breve, ed ora sono tornato a correre al Polo Nord!

arirun ha detto...

l'espressione con cui azzanni quella leccornia fa intendere che il buscopan avrà indebolito la gamba ma sullo stomaco ha agito bene..meno piacevole sarà il gelo che ti aspetta quassù al nord

fathersnake ha detto...

@Ari
Son già tornato...e son già gelato..