FATHERSNAKE ON THE ROAD

Blog di corsa, ma non solo, di un runner per metà rocker e per metà podista.

lunedì 7 novembre 2011

Una triste accoppiata (Strafalchera 2011)




Ci sono concerti che risultano meglio di altri, e la stessa cosa vale per le gare, ovviamente.
E' accaduto, a volte, che le mie due passioni si siano vicendevolmente sostenute, quando, insoddisfatto da una gara particolarmente deludente, dimenticavo le amarezze suonando su un palco, oppure, di contro, mi rifacevo da un live poco brillante correndo il giorno dopo più veloce di quanto mi aspettassi.
Il weekend appena trascorso mi ha invece tradito sotto entrambi i punti di vista.
Cominciamo dal concerto di sabato: nutrivo grandi aspettative, trattandosi di un live di esordio, al Maglio con il nuovo gruppo Unbreakable. Per molte ore della giornata ne avevo temuto addirittura l'annullamento, vista la minaccia di alluvione fomentata da una pioggia che continuava a cadere imperterrita.
Che cosa è andato storto? Da parte mia ammetto di aver commesso troppi errori, causati da distrazione e colpevole insicurezza e da un costante rimbombo di sottofondo dal quale le note del mio basso emergevano a fatica.
Pazienza, domani c'è la gara alla Falchera pensavo.

Già, la Falchera: volevo accumulare punti per un campionato UISP canavesano ormai ai titoli di coda.
Dormito una manciata di ore, ma per nulla stanco, mi presentavo alla gara convinto di trovarmi di fronte ad uno sparuto manipolo di stoici podisti, con il grosso della truppa a crogiolarsi sotto le coperte, vista la giornata piovosa e plumbea.
Sbagliavo. Con grande sconcerto mi trovavo di fronte a mezzo, battagliero Piemonte podistico.
La Strafalchera è una delle gare più piovose che conosca. Dovesse mai spuntare il sole in una delle sue edizioni, la rinvierebbero, tale è l'abitudine di correrla sotto l'acqua.
Mi ero preparato al fango e a pozzanghere in grado di accogliere un cabinato di medie dimensioni, ma fortunatamente il percorso era accorciato per eliminare i tratti più impraticabili. Si trasformava così in una velocissima gara da svolgersi tra i palazzoni popolari e ampi vialoni asfaltati.
Bene: parto come il solito al fulmicotone e lo so per sensazione, perché, temendo per la sorte del nuovo garmin, vista l'acqua, gli avevo lasciato giornata libera.
Dopo pochi km raggiungono una velocità di stallo che mi consente di non perdere terreno, ma neppure di ottenerne. Baso il mio stato di forma sui volti ormai noti che mi stanno attorno.
Quello stavolta lo sto raggiungendo: buon segno.
Poi però scorgo in lontananza uno di costoro (ne vedo la schiena, ma lo riconosco) che di solito supero nei primi km di ogni gara.
Va come una scheggia rispetto a me e capisco, non riuscendo ad avvicinarmi che qualcosa non funziona.
Sta di fatto che la gara si trasforma in un evento anonimo, un po’ come il concerto della sera prima. Una di quelle occasioni in cui ti viene di pensare se non mi fossi presentato, non sarebbe cambiato nulla.
All' arrivo mi scopro esattamente a metà dei 260 partenti e ben 33esimo su 44 MM45.
Uno su sei partenti era un MM45!
Lasciatemi spendere una parola di elogio per i componenti della mia squadra, la Podistica Leinì, che si dimostrano sempre dei veri combattenti; fiero di farne parte. 
Un saluto!
father
Prima. (foto di Anna)

Dopo. (Da sito www.podoandando.it)

12 commenti:

franchino ha detto...

Peggio di cos' non ti poteva andare... ;-)
Ma sì dai ci sarà occasione per riscattarti, sia sul palco che sull'asfalto. Ma in zona Torino sud suonate mai?

fathersnake ha detto...

@Frank
Abiti da quelle parti?
L'intenzione è di suonare ovunque ci sia un locale in grado di ospitarci, non solo in Piemonte.Appena succede di bazzicare da quelle parti ti informo.

arirun ha detto...

giù di corda....mia nonna diceva che sono i cambi di stagione

... E io corro! ha detto...

Secondo me ti mancava la maglietta personalizzata. Quel candido bianco ti ha tolto la grinta ! :)

Grande Father sempre e comunque...
(io in compenso mi son beccato un bel mal di gola con febbre annessa)

lello ha detto...

un po di stanchezza e' normale , capita a tutti dei momenti no....

Mariano ha detto...

Fathersnake, il tuo post sulla corsetta della Falchera è scritto nello stile che mi piace.

Sono capitato per caso nel blog di chi – come me – “a discapito dell'età anagrafica rincorre il fascino di una ritrovata giovinezza” e contemporaneamente di chi – esattamente come me – rincorre la sua sfida “di ultimare una gara con un tempo di 4 minuti al chilometro”…

Purtroppo non sono un musicista, ma non importa. Mi diverto in altri modi.
Colgo comunque l’occasione per ricordarti che siamo in tanti e tutti alla ricerca delle stesse cose…

Di me, per esempio, puoi leggere sul sito di http://www.atleticalacertosa.it/

Ciao! E continua a scrivere della corsa.

MM45 - Mariano (96° alla Strafalchera)

fathersnake ha detto...

@Ari
La forma va e viene. Stranamente in questo periodo mi sento in forma, ma le gare corte e veloci non sono mai state il mio pane, neppure nel ciclismo.
@Guido
Sì, è un bianco slavato e spento che alla fine ha spento pure me :-)
@Lello
Si può dare di più (Bigazzi, Tozzi, Riefoli).
@Mariano
Benvenuto nel blog, Mariano, e grazie per la considerazione. Sì, siamo in tanti ed alle prese ognuno con i propri obiettivi.Magari non riusciremo mai a raggiungerli ma già la lotta di per sè ci onora!

franchino ha detto...

Sì Father, Torino sud zona lingotto

Tosto ha detto...

pensi che ti cacceranno dal gruppo?
eh he eh

fathersnake ha detto...

@Tosto
Non credo :-)
Ultima news: se n'è andato il cantante..

Lucky73 ha detto...

Certo che le 2 foto sono emblematiche, scelta azzeccatissima :-)

Oliver ha detto...

Sometimes happens! E' sempre l'occasione buona per rialzare la testa con orgoglio