FATHERSNAKE ON THE ROAD

Blog di corsa, ma non solo, di un runner per metà rocker e per metà podista.

lunedì 30 luglio 2012

Fathersnake, la gara che non ti aspetti e l'illuminazione.

 Torno al blog dopo un sacco di tempo, ahimè. Tante gare sono passate sotto i ponti, la maggior parte delle quali poco degne di nota, tanto poco che scriverne mi avrebbe persino depresso.
Concentrato sopratutto sulla musica, in questo periodo gli allenamenti si sono progressivamente trasformati da mezzo per preparare competizioni a mero strumento per rimanere in forma.
Vale la pena scrivere invece della gara di ieri, a Sparone. Dopo tanto tempo, tutto ha funzionato alla perfezione. Le gambe c'erano, la voglia tornata quella di un tempo, la concentrazione pure. E dire che avevo deciso di parteciparvi soltanto sabato. La gara di Sparone, infatti, facente parte del campionato UISP canavesano, aveva prevalso sulla "Camminata alpina" di Tricerro (9 km interamente pianeggianti tra le risaie) solo perché più vicina e con un orario tale da evitare a me e Lia la solita levataccia del "chi ce l’ha fatto fare?".
Sapevo che il percorso mi avrebbe messo di fronte ad un’ascesa severa, di tre km, per poi farmi scendere in picchiata all'arrivo. Conoscendo le mie caratteristiche, mi ero proposto di tenere il più possibile in salita, perché in discesa avrei potuto recuperare, come al solito. Sin dalle prime battute, incolonnato come tutti gli altri su un sentiero che è in pratica una scala, impossibile da correre, mi scopro carico di energia e passo la prima parte impegnato in sorpassi sfruttando ogni ansa del percorso. La testa, oggi, è diversa. Davanti a me, a poche decine di metri, scorgo compagni di squadra che normalmente s’involano subito dopo la partenza. Stiamo salendo alla stessa velocità. Questo, naturalmente, mi galvanizza e mi regala nuove energie. Ce la posso fare, mi ripeto, anche se i km, camminando, non passano mai. Grondo sudore come pioggia. L'ascesa termina dopo soli 2 km.  In quel momento lo "sconto" mi rende felice. Si passa accanto ad un santuario, e s’inizia a scendere. La discesa non è per niente un problema, neppure nei passaggi tecnici in mezzo al bosco. Supero parecchi concorrenti, uno dei quali, mente lo supero, mi chiede "Come fate a scendere così forte?". Non so che dirgli, sollevo le braccia, poi gli grido: "Mah...per istinto", mentre mi allontano balzando da masso a masso.
Supero altri sparsi gruppetti ed infine l'arrivo al traguardo, al 55esimo posto su 109 concorrenti, decimo di categoria, posizione da me mai raggiunta in tutte le gare UISP disputate, mi vede finalmente sorridente e soddisfatto, ed anche leggermente incredulo.
Non è tanto la posizione in classifica a meravigliarmi, non da urlo in senso assoluto quanto il deciso miglioramento della condizione fisica e mentale.
Bisogna considerare, pure, che avevo alle spalle otto giorni di stop completo (in Portogallo, durante le vacanze, le scarpe le avevo portate, ma mai indossate), esclusi tre risicati allenamenti nei giorni immediatamente precedenti.
Però, proprio durante uno di questi ultimi allenamenti ho avuto un barlume, un frammento di illuminazione podistica. Questa:
Non devo cercare la velocità FUORI da me; non è qualcosa da raggiungere.
La velocità che cerco e' già in me, occorre invece TIRARLA FUORI.
Si tratta di vedere le cose da un diverso punto di vista, di adottare un diverso abito mentale .
Vi lascio a riflettere :-)

Un saluto!








7 commenti:

Pimpe ha detto...

ottima considerazione finale..
hai trovato la tua strada ?

stoppre ha detto...

oh, piacere di risentirti sul "blog" e non preoccuparti, non dico a nessuno del nostro pusher moammhed, quelo che ci fa avere certi pensieri.

theyogi ha detto...

'on the road again'... o l'hanno già detto?

fathersnake ha detto...

@Pimpe
Lo capirò dalla prossima gara, presumo.
@Mauri
A parte i pensieri nuovi che ci fa avere, sembra serva pure ad andare più forte.Ne ho già ordinate altre dosi.
@theyogi
Il richiamo della strada è come un canto delle sirene e non ho tappi di cera a diposizione.

Patty ha detto...

secondo me eri riposato :-D
i tuoi limiti li conosci e solo l'allenamento può migliorarci.....credo!

Master Runners ha detto...

Anch'io penso che eri ben riposato, e infatti quello che dici è vero, ma modificherei la frase in:
Occorre invece RIUSCIRE A CAPIRE COME TIRARLA FUORI! ;)
Benritrovato Father!
PS
Foto stupenda!

fathersnake ha detto...

@Patty
Può essere che il riposo abbia giovato, certo, anche se quest'anno non è che mi sia sciupato troppo in allenamento.
Per quanto mi riguarda,l'atteggiamento mentale mi condiziona più di quanto possa fare l'allenamento, lo dico perchè mi conosco :-)
@Master
Grazie!
In certe occasioni magiche quello che cerchi esce fuori da solo, aggiungerei.